RACCONTARSI, lab di scrittura autobiografica a Vicenza

scrittura, scrittura autobiografica, scrittura creativa, scrittura narrativa, laboratori scrittura, laboratori scrittura autobiografica, laboratori scrittura creativa, laboratori scrittura narrativa, workshop scrittura, workshop scrittura autobiografica, workshop scrittura creativa, corsi, corsi scrittura, corsi scrittura autobiografica, corsi scrittura creativa, corsi scrittura narrativa, biografie di famiglia, biografia d’artista, autobiografia d’azienda, manoscritti, correzione bozze, eventi culturali, evento culturale, editing, edizioni, cartacarbone, cartacarbone festival, letteratura, festival letteratura, festival letterario, treviso, bruna graziani, nina vola, associazione culturale

Paolo Beneforti, “Lettore allo specchio”, particolare – http://www.paolobeneforti.it

La scrittura autobiografica è il prolungamento del desiderio di esistere, di sentirsi esistere oltre ogni possibile interlocutore. Un lascito senza pretesa di eredi, un modo per tornare alle parole, spinti da quelle che silenziosamente ci nascono dentro e non si mostrano per timidezza, poca stima di sé.
Eppure, cosa c’è di più importante della nostra vita? E come lasciare qualcosa di noi se non lo raccontiamo?
Scrivere è generosità, un dono che si fa agli altri ma anche a noi stessi.
La scrittura autobiografica è un meraviglioso viaggio dell’anima, dove sono custoditi tesori ingiustamente dimenticati. È anche un viaggio nel mondo delle parole in grado di ricomporre il mosaico della vita sotto una nuova luce. Perché come dice Peter Handke, “Chi scrive, a differenza di chi parla, non dispone liberamente delle parole, non si limita a usarle, le scopre”.

A venire scoperte non sono solo le parole, ma anche tante storie dimenticate che riposano nei cassetti della mente, in attesa solo di rinascere dalle nostre mani, dai nostri occhi nuovi.

Laboratorio autobiografico

Dove?

Villa Tacchi, Via della Pace, 89 – Vicenza

Otto incontri di tre ore ciascuno, il venerdì dalle 17 alle 20:

  • marzo: 11/18
  • aprile: 1/8/15/22/29
  • maggio: 6

In questo laboratorio è privilegiato l’aspetto riflessivo e di autoformazione basata sul pensiero introspettivo. Verranno proposte suggestioni sensibili, che aiuteranno a riscoprire e a individuare storie, snodi, persone importanti, relazioni che influiscono o hanno influito su ognuno di noi.

Il laboratorio prevede:

  • spunti di discussione e riflessione;
  • letture di testi significativi;
  • scritture individuali, collettive e “reciproche”;
  • consegna di suggestioni da sviluppare a casa.

Programma:

  1. SIGNIFICATO E POTENZIALITÀ DELL’AUTOBIOGRAFIA
    Cosa significa ‘Autobiografia’ – Perché scrivere di sé. Scrivere come diritto e dovere.
  2. LA FORZA DELLA SCRITTURA: TESORI NARRATIVI
    Patto di sincerità e censura. La forza della scrittura autobiografica. Un tesoro narrativo tutto per sé.
  3. Il RACCONTO TRA DESIDERIO E PIACERE
    Il racconto tra desiderio e piacere. Il corpo nella scrittura. La memoria del corpo. I sensi. Le fasi dello scavo autobiografico: punti di partenza e punti di arrivo.
  4. ARRIVI E PARTENZE
    Le fasi dello scavo autobiografico: punti di partenza e punti di arrivo.
  5. IL PARADOSSO DELL’AUTOBIOGRAFO
    Il paradosso dell’autobiografo: nascere e morire con le parole.
  6. I LIMITI NATURALI
    La versione dei fatti, la parola scritta. Luminose metafore.
  7. LA MEMORIA E L’INFANZIA
    La memoria involontaria – La memoria ‘liquida’ – Le libere associazioni – I percorsi irrazionali del ricordo.
  8. IO CENSORE, IO MULTIPLO e il NOME PROPRIO
    Io censore; Io multiplo; Il nome proprio.
    Punti di partenza per la stesura della propria autobiografia.

Eventuale approfondimento:

Due incontri di 4 ore ciascuno:
1_Le forme autobiografiche
2_Suggerimenti di scrittura

Per info, programma completo e approfondimenti:

scrivimi@parlamidite.it
3280208784

Lascia un commento